Bauladu-Stemma

Rete Gaia ha ricevuto l’incarico dal comune di Bauladu per l’attuazione di un bando di finanziamento finalizzato allo sviluppo di nuove imprese a livello locale.

L’azione del Comune si configura come contributo in Conto Capitale alle imprese nella forma del de minimis.

Il fondo disponibile sarà destinato al finanziamento di iniziative imprenditoriali che prevedano nuova occupazione anche in forma di autoccupazione.

Il contributo è concedibile nella misura dell’ 80% delle spese ammissibili, entro un massimale di € 27.500,00.

Tipologie di spesa ammissibili:

  • Progettazioni ingegneristiche riguardanti le strutture dei fabbricati e degli impianti, sia generali che specifici, direzione dei lavori, valutazione di impatto ambientale, collaudi di legge, oneri per le concessioni edilizie;
  • Studi di fattibilità economico-finanziaria e redazione del business plan, corsi di formazione;
  • Opere murarie ed assimilate;
  • Infrastrutture specifiche aziendali;
  • Macchinari, impianti, attrezzature, software, brevetti e licenze, arredi, macchine d’ufficio e hardware ed attrezzature varie, nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività amministrativa dell’impresa, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza;
  • Mezzi di trasporto;

cartina-Montiferru225x300

Uno dei progetti a cui stiamo lavorando in questi giorni è legato al bando della Regione Sardegna sulla promozione di itinerari turistico tematici (vedi qui) per il sistema locale del Montiferru.

Il bando della Regione Sardegna è destinato alle Unioni dei Comuni, ai consorzi fra Comuni e alle associazioni comunali di scopo e stanzia dei fondi sino a tre milioni e mezzo di euro per azioni volte alla promozione di itinerari turistico-tematici che valorizzino il patrimonio culturale, turistico e ambientale.

Queste le finalità:

  • Sviluppare un’offerta turistica sostenibile di elevata qualità, basata sull’attrattività del patrimonio naturale, paesaggistico e culturale;
  • Contribuire allo sviluppo di processi di integrazione sociale e territoriale, attraverso la creazione e/o il consolidamento di reti e sinergie tra risorse ambientali, culturali, settori economici e amministrazioni locali delle aree interne e costiere;
  • Destagionalizzare i flussi turistici;
  • Valorizzare le peculiarità locali e lo sviluppo socioeconomico dei territori marginali ed in particolar modo dei piccoli comuni dell’interno;
  • Strutturare itinerari tematici che, attraverso i paesaggi ed i territori, consentano la conoscenza, la valorizzazione e la fruizione degli elementi propri del patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale sardo.

E' trascorso molto tempo dal nostro ultimo post sulla sezione blog; questo spazio è stato pensato per raccontarvi le nostre attività, il nostro impegno nell'accompagnare le amministrazioni in processi di sviluppo territoriale sostenibile.

Ma purtroppo, o per fortuna, questi ultimi due anni sono stati talmente vorticosi da lasciarci poco spazio per dedicarci al racconto delle attività.

Riprendiamo dunque da oggi l'impegno di comunicare in modo continuo con tutti voi.

Vorremmo che non fosse una comunicazione unidirezionale ma uno spazio di relazione e di confronto sui temi dello sviluppo locale in Sardegna.

In estrema sintesi iniziamo con il rendervi partecipi dei progetti che abbiamo curato nel 2011-2012.

Abbiamo sviluppato progetti per i Comuni di Abbasanta, Aidomaggiore, Alghero, Ardauli, Austis, Bauladu, Bidonì, Bonarcado, Boroneddu, Bosa, Busachi, Castelsardo, Fordongianus, Ghilarza, Laconi, Milis, Montresta, Narbolia, Neoneli, Norbello, Nughedu Santa Vittoria, Oristano, Paulilatino, Porto Torres, Samugheo, San Vero Milis, Santu Lussurgiu, Sassari, Sedilo, Soddì, Sorradile, Tramatza, Ulà Tirso.

I progetti hanno riguardato i seguenti temi: pianificazione energetica e politiche per la sostenibilità ambientale – PAES; processi di partecipazione – Agenda 21; turismo culturale; agroalimentare ed artigianato tipico; edilizia sociale; mobilità sostenibile; edilizia scolastica; progetti di cooperazione internazionale – ENPI; inclusione sociale e inserimento lavorativo, legalità e sicurezza...

Abbiamo inoltre continuato a seguire alcuni clienti privati: centri commerciali naturali, consorzio albergatori, singole strutture alberghiere, e sviluppato studi di impatto ambientale, in particolare nelle parti riguardanti la valutazione costi benefici.

Presto, dopo il breve riposo ferragostano, vi presenteremo le schede dei progetti più significativi. Buone ferie a tutti!!!

sa fregua2012-209x300

Un altro piccolo ma gustoso successo, il Comune di Neoneli ha ottenuto, con il nostro supporto, un finanziamento per la festa de "SA FREGULA ISTUVADA E SA CASSOLA" (classificandosi come quinto miglior progetto in Sardegna, su circa 70 presentati).

La manifestazione si inserisce nel NETWORK DEL TURISMO ENOGASTRONOMICO, manifestazioni gastronomiche incentrate sui prodotti agro-alimentari tipici del luogo in cui si svolgono.

Un piccolo assaggio dei contenuti della manifestazione ...

in tre giornate, dal venerdì alla domenica.

  • Stand di presentazione dei prodotti tipici del territorio del Barigadu
  • Laboratori e gare di cucina
  • Degustazione di vini locali
  • Gara poetica (concorso di poesia)
  • Esibizione di gruppi folk
  • Grandi ospiti ... ma non possiamo anticiparvi tutto adesso, intanto vi mostriamo la locandina dell'anno passato

Arrivederci a Neoneli!!!

Logo-Patto-dei-Sindaci

Con grande piacere desideriamo informarvi dell'approvazione in Consiglio Comunale del Piano di Azione dell'Energia Sostenibile del Comune di Sassari.

Per la nostra società è una grande orgoglio aver accompagnato l'Amministrazione in tutto il processo durato diversi anni.

Questo risultato è la sintesi di un intenso lavoro di coinvolgimento della cittadinanza partito nel 2007 con la presentazione dell'Agenda 21 Locale "Sassari Energeticamente Sostenibile" (SES), che è stata poi approvata nel 2009 dalla RAS.

Uno dei punti di forza del PEAS di Sassari è l'aver seguito un percorso comune durante la costituzione del Piano Energetico Ambientale Comunale.

In termini numerici Sassari si è impegnata alla riduzione del 20% delle sue emissioni di CO2 entro l'anno 2020.

Le azioni del Piano saranno soggette ad un monitoraggio continuo ed ogni due anni si farà il punto sui risultati ottenuti e sulle eventuali correzioni di rotta.

Questo risultato è stato costruito con il supporto fattivo di tutti gli uffici del Comune e grazie alla sensibilità ed attenzione degli amministratori.

 

Dal link seguente potete scaricare il documento completo: