La Legge 10/91 stabilisce che tutti i Comuni con popolazione superiore ai 50.000 abitanti debbano dotarsi di un Piano per l'utilizzo delle energie rinnovabili (PEAC) ma, considerata la sempre più impellente necessità di ridurre il fabbisogno energetico da fonte fossile attraverso l'efficienza energetica, la riduzione dei consumi e il ricorso alle fonti rinnovabili, risulta importante anche per i Comuni più piccoli dotarsi di questo strumento.
Il PEAC è un documento programmatico complesso per la cui stesura si rende necessario integrare valutazioni di natura tecnica e scientifica e il servizio di Rete Gaia a supporto dei propri clienti consiste in:

  • Analisi socio-economica del territorio
  • Reperimento dati su offerta e domanda energia
  • Redazione del bilancio energetico comunale nello stato attuale
  • Redazione del bilancio comunale delle emissioni nello stato attuale
  • Scenari energetici futuri ed individuazione degli obiettivi
  • Processi di informazione e partecipazione
  • Attività di scouting finanziario e predisposizione di candidature alle opportunità di sostegno pubblico
  • Analisi di fattibilità delle principali misure di adattamento
  • Impostazione ed attuazione del monitoraggio del piano di adattamento